domenica 26 giugno 2011

costruire un lettino ...terza (e ultima ) parte

Finalmente abbiamo finito i lettini...iniziati qui  e qui
Premetto che se lasciate perdere l'applicazione delle lettere, è un lavoro che si fa in una giornata.
Io ci ho impiegato una vita e ho dovuto ricorrere all'aiuto della super-nonna che per l'occasione si è addirittura trasferita a casa mia per ben due giorni.
Allora... partiamo dalla parte che potete tranquillamente saltare :
Avevo acquistato su un sito di tessuti inglese un pannello dal nome " vintage italian". In sostanza le lettere dell'alfabeto illustrate un po' come si vedeva sui libri di scuola dei nostri genitori. Ma a me sono piaciute tantissimo....
qui trovate la foto del pannello che avevo postato su facebook un po' di tempo fa..

Bene, allora non sapendo esattamente come utilizzarle (in un primo momento volevo realizzare un gioco, un pannello da appendere al muro e svariate altre cose...) alla fine ho deciso di ritagliare le lettere , cucirle sulla stoffa con cui ho rivestito il lettino e imbottirle di ovattina...
Cosi:

venerdì 17 giugno 2011

lunedì 13 giugno 2011

costruire un pannello porta...qualcosa....

A me serviva un pannello per tenere in ordine gli accessori del cucito..perchè non so fare praticamente nulla...ma  quel quasi nulla fa tanto disordine....

Le terme di Saturnia...con i bambini

In genere nelle Spa i bambini (soprattutto piccoli) non sono ben accetti. In alcuni luoghi è vietato l'accesso ai minori di 14 anni e comunque mi rendo conto che l'avventore della Spa desideri relax e silenzio...e quindi??? ...rinuanciare??? Noooo!!!!
A pochi mentri dall'ingresso principale delle terme di Saturnia (il bellissimo cancello che si apre sui campi da golf),  trovate la fonte naturale dell'acqua termale, le cosiddette cascatelle del mulino.

sabato 11 giugno 2011

Il giardino dei tarocchi di Capalbio

Il giardino dei tarocchi si trova a pochi km da Capalbio (in provincia di Grosseto).
A prima vista, ricorda molto il parco costruito a Barcellona da Gaudi', ma  l’ideatrice è una scultrice francese di nome  Niki de Saint Phalle. 
 
La vaga somiglianza con il parco spagnolo dipende dal fatto che l'ispirazione che ha dato origine a questo giardino e' nata proprio dopo la visita , da parte della scultrice, al parco Guell.

  

Tutte le sculture sono realizzate utilizzando tondino di ferro (quello che si utilizza nei cantieri edili per intenderci) che costituisce la struttura portante e la sagoma delle raffigurazione delle carte dei tarocchi. Il tutto ricoperto con  la rete metallica ed infine cemento.

Inizio' poi la fase decorativa a cura della scultrice utilizzando vernici , mosaici, ceramica (lavorata e cotta in loco, vetri preziosi come quelli di Murano
 Il giardino e' separato dal contesto da un muro fatto di tufo.

Per i bambini è un vero divertimento....una scoperta dietro l'altra, una magia di colori, riflessi, giochi di luce e di specchi....


Beh basta parole...di seguito trovate le foto che ho scattato lunedi

sabato 4 giugno 2011

cielo a pecorelle, pioggia a catinelle....

   dipinto su seta, una ventina (forse anche venticinque) anni fa da un'amica di famiglia e rimasto appeso nella mia camera a casa dei miei genitori...ora l'ho appesso nella camera dei bambini..     



mercoledì 1 giugno 2011

....A 4 ANNI DEVE DELEGARE SUA MADRE.....

Mi presento allo sportello dell'ospedale della mia città per ritirare esami  urine di Matteo e presento  come di consueto la mia  carta di identità  (sono almeno due anni che ogni tre mesi facciamo questo esame e l'iter è sempre il solito, tranne oggi!!!)

Impiegata allo sportello:"signora, ci vuole la delega"

io : "la delega di chi?? "

Impiegata allo sportello: " del signore..."



Io: il signore è mio figlio ed ha 4 anni

Impiegata allo sportello : "Beh qui c'è scritto delega, quindi deve farle una delega"

Devo averla guardata malissimo, per cui decide di chiedere assistenza.

Impiegata allo sportello  rivolgendosi ad una collega che era ad almeno 10 metri di distanza : 
"scusa, chi ritira gli esami dei bambini?

Collega a 10 metri di distanza:
"Chi esercita la patria potestà"

risposta simultanea dell'impiegata , e mia : "ecco, vede?"

Strabuzzo gli occhi  :  "ecco vede lo dico io ..sono io che esercito la patria potestà di mio figlio...fino a prova contraria"

Impiegata allo sportello:  comunque io come faccio a sapere che lei esercita la patria potestà?

IO: estraggo dalla borsa (dopo aver ravanato all'interno per circa 5 minuti) il documento di identità di Matteo (fatto quanto aveva 15 giorni...), ma contenta lei...contenti tutti...(ricordando pero' che NON E' obbligatorio il documento di identità per i minori di 15 anni , se non ai fini del ..viaggio).

Impiegata allo sportello: ahhhh ora ci siamo!

tempo trascorso : 20 minuti per ritirare un esame! E se non avessi avuto il documento? devo circolare con lo stato di famiglia? La legge non lo prevede..e comunque se l'ASL si...almeno scrivetelo!!!!!!!

Giusto per la cronaca altre Asl, per esempio la asl 21 (che non so bene dove sia, ma l'ho trovato on line) prevede apposito campo da compilare per il ritiro di referti per minori . Lo vedete di seguito, in cui il genitore dichiara di essere il genitore...
Questo prevede la legge, non che mio figlio di 4 anni  mi faccia una delega ....ma roba da matti!
Quindi che la mia asl si aggiorni o mettendo apposito campo sul modulo o mettendo persone con sale in zucca allo sportello. 

Si è verificato un errore nel gadget