domenica 27 marzo 2011

fate dei fiori , pigne e lumache da corsa.....

Durante l'inverno abbiamo letto molte fiabe sugli gnomi ,  sulle fate dei fiori e altri piccoli abitanti dei boschi...


Sull'argomento ho acquistato un libro ricco di illustrazioni di Cicely Mary Barker , una illustratrice inglese nata alla fine dell'ottocento.   Sono bellissime   le sue "Flower Fairies", i cui volti sono quelli dei bambini che frequentavano l'asilo dalla sorella.

Abbiamo scoperto che queste fatine sono un po' una sorta di  guardia forestale in gonnella e dotata di ali, che  contribuiscono a tenere il bosco pulito, oltre a svolgere moltissimi lavori ,passatemi l'espressione, socialmente utili.
Sono loro, infatti,  che aiutano i semi  dei fiori a spandersi di qua e di là..(.vorrei tanto conoscere la fatina della parietaria!!!) ....e si perchè ho omesso di dire che ogni fiore ha la sua fairy , di petali  vestita .... 

In un primo momento sono stata liquidata con un "ma sono da femmina" ed in effetti i libri in questione  generalmente sono tutti "pieni di rosa" , giusto per usare l'espressione di Matteo e forse  un po' leziosi.
La svolta  c'è stata quando  abbiamo acquistato un libro (questo)  grazie al quale abbiamo scoperto le figure dei "fairy boys" 
Quelli che vedete qui sotto sono i personaggi  che hanno riscosso maggior successo in casa nostra.





In prima battuta sono  stati accolti con entusiamo probabilmente per una certa somiglianza con Peter Pan, ma l'apice del successo si è raggiunto quando ho tradotto una pagina piu' o meno così:

"mentre voi camminate nel bosco e vi cadono sulla testa pigne o castagne selvatiche non dovete dare la colpa al vento perchè sono i Fairy Boys "
So che è superfluo, ma giusto per rinfrescarvi la memoria soprattutto pensando che potreste ritrovarvele sulla testa..........la castagna con riccio è questa....

 per non parlare della pigna poi...



Dopo la lettura,siamo dovuti uscire urgentemente alla ricerca di queste fate dei fiori e  soprattutto dei "fairy boy".. ..(non saprei come tradurlo...fatino non mi piaceva) ....
Non c'era una bava di vento, quindi non siamo stati "aggrediti" da nessuno....

Al ritorno  ci siamo rimessi a leggere il libro, e quando abbiamo visto questa illustrazione......

 ci è venuto in mente che in giardino avevamo un "pezzo di legno con le corna" e quindi...
ora anche noi abbiamo la nostra lumaca da corsa




2 commenti:

Elisabetta ha detto...

Delizioso questo post , anche a me piacciono molto i libri di fate e gnomi!

Anna ha detto...

Sono contenta ti sia piaciuto!
Allora aspetta il seguito sulle porte delle fate ....le cosiddette feary doors.
Abbiamo casa e giardino pieni....

Si è verificato un errore nel gadget